Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Spezzini Fuori Porto n. 23: Luca Castellucchio, un ceparanese che ha mollato tutto e si è rimesso in gioco In evidenza

di Laura Orsenigo - 30 anni, partito da Ceparana con mille euro in tasca, oggi vive in Canada “guido un’auto da 70 mila dollari, ho un bel lavoro e le mie opportunità aumentano ogni mese”. La storia emblematica di un ragazzo come tanti che in Italia sentiva di “non andare da nessuna parte” e ha trovato la sua strada (e l’amore) al di là dell’oceano…


Cosa facevi a Ceparana?
Facevo il serramentista ma i soldi erano pochi e non stavo andando da nessuna parte… non ne potevo più della mentalità provinciale e sentivo che ero destinato a qualcosa di più. Così una mattina mentre mi lavavo la faccia ho deciso di andarmene. Sapevo che qui non avrei mai trovato un lavoro soddisfacente.

Quando sei partito e per dove?
Ho lasciato Spezia l'8 gennaio 2013 con un biglietto di sola andata per l'Australia, avevo 26 anni. Arrivai a Perth da solo, senza sapere dove andare e senza parlare una sola parola d'inglese. Sono partito con mille euro in tasca e in Australia ho finito presto tutti i soldi e sono finito a vivere in tenda nella foresta… A giugno mi sono spostato da Perth a Darwin e in uno scalcinato ostello ho conosciuto una bellissima ragazza canadese, Melissa. Da lì la mia vita è cambiata.

Hai trovato l’amore in Australia?
Sì, era il 17 luglio 2013 quando ci incontrammo. Da quel giorno io e Melissa non ci siamo più separati. A settembre di quell'anno siamo andati a Bali e poi a Sydney dove abbiamo trovato lavoro. A gennaio 2014 abbiamo lasciato l'Australia, abbiamo viaggiato attraverso Vietnam e Cambogia per poi atterrare a Vancouver in Canada, la città di Melissa. Oggi viviamo qui.

È stato un percorso molto duro?

È stato un processo spietato, senza soldi, cure mediche nè speranza, ma dopo anni ho finalmente ottenuto il mio “permanent resident” e mi sono sposato con Melissa.

Di cosa ti occupi oggi a Vancouver?
Adesso mi occupo di ristrutturazioni, e lavoro sui grattacieli installando strutture metalliche. Ho lavorato e lavoro tutt'ora sui grattacieli più alti del nord America.

Sei soddisfatto del tuo lavoro?
Sì, ma a settembre mi rimetterò a studiare poichè voglio entrare nel VPD (Vancouver Police Department), il corpo di polizia. La cosa bella qui è che senti che puoi sempre cambiare, migliorare.

Sei mai tornato in questi 4 anni a Spezia?
No, non sono mai più tornato in Italia, non ho mai più guardato indietro.

Ti mancano Spezia e la tua Ceparana?
È chiaro che mi mancano la mia famiglia e tutti i miei amici ma ho dovuto sacrificare tutto questo per condurre una vita come sognavo e speravo.

Cosa consiglieresti oggi a un giovane insoddisfatto della sua vita?
Il mio consiglio ai giovani è sempre il solito: lasciate l'Italia se volete una vita migliore. Non facile, ma migliore. È incredibile quante strade si aprono quando ti avventuri là fuori… Sono partito da zero, oggi 4 anni dopo guido un’auto da 70 mila dollari e il mio salario e le mie opportunità aumentano ogni mese.

 

Cliccate sui link qui sotto per leggere le altre interviste di Spezzini Fuori Porto:

Enrico Oldoini

Matteo Tacconi

Andrea Storace

Carlo Massarini

Stefano Giovannoni

Rachele Buriassi

Lucia Torracca

Marco Lucchinelli

Maurizio Mannoni

Claudio Jaccarino

Riccardo Carnovalini

Stefano Mei

Alessandro Baracchini

Roberto Bocchi

Davide Macaluso

Francesco Del Vigo

Alessandro Zanello

Alessia Polleschi Cotigny

Nicola Bartolini Carrassi

Simone Ragnetti

Gaetano Pesce

Elena Bellacicca

 

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 06 Aprile 2022 20:34

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.