Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

Spezzini Fuori Porto n. 17: Alessandro Zanello, il più giovane comandante della Silver Sea In evidenza

Lericino di nascita, ex studente del Nautico, ha girato i mari e i Paesi di tutto il mondo e prossimamente attraccherà anche a Spezia con la Silver Muse.

di Laura Orsenigo (alla quale inviamo i nostri migliori auguri per la nascita del suo terzo figlio, Luca, il 29 marzo scorso!!!)

Capitano, dove si trova in questo momento?
Sono a Genova, sto seguendo il cantiere della nuova nave da crociera della compagnia Silver Sea per cui lavoro. Si chiama Silver Muse e sarà inaugurata ad aprile nel Principato di Monaco. Poi partirò come comandante della nave prima nel Mediterraneo, poi in Nord America, Sud America e Caraibi.

Che cosa ha di speciale questa nuova nave?
È la nave più grande della flotta, ma non pensate sia per migliaia di persone. La Silver Sea non punta sulla quantità, ma sulla qualità. In particolare su questa nave ci saranno solo suite, quasi tutte con balcone, nessuna interna e tutte con maggiordomo privato. Si punterà tutto sul servizio, sempre più ritagliato su misura del cliente.

Quale è stato il suo percorso per arrivare a fare il comandante?
Mi sono diplomato all’Istituto Nautico Nazario Sauro della Spezia e poi ho iniziato subito a lavorare per compagnie crocieristiche; dal 2102 sono comandante in Silver Sea e sono stato su tutte le navi della compagnia.

Una passione di famiglia per un lericino?
Direi di sì. Mio padre era comandante su navi da carico e passeggeri, mio nonno era chef sui transatlantici…

Un lavoro conciliabile con la famiglia?
Per me è una cosa normale vivere gli arrivi e le partenze; certo c’è la tristezza del distacco, ma c’è l’enorme gioia del ritorno. Sono comunque emozioni che non lasciano spazio alla monotonia.

Come organizza la sua presenza in famiglia?
La mia famiglia, mia moglie e le mie due bambine vivono a Sarzana, dove torno ogni tre mesi di mare e mi fermo per altrettanti tre. Poi si riparte, ma spesso vengono a trovarmi durante i miei viaggi. D’altra parte mia moglie conosce molto bene questa vita, considerando che l’ho conosciuta in nave dove faceva la cantante.

Si è mai trovato in situazioni di pericolo?
Pericolo no, mai; in situazioni difficili sì, qualche volta, soprattutto nel Nord Atlantico, oppure tra il Giappone e l’Alaska. Mi è capitato di prendere la coda di tifoni o uragani con mare forza 8 o 9, oppure di non poter entrare in un porto per le condizioni troppo problematiche, però viaggiando sempre in sicurezza.

Ci immaginiamo il comandante sempre al timone della nave, ma è così?
No. In realtà il comandante sta sul ponte solo nelle manovre di entrata e uscita da un porto o quando l’ufficiale ritiene di aver bisogno di lui. Normalmente al timone c’è un marinaio e l’ufficiale di guardia che controlla.

In quanti Paesi è stato?
Non ho mai fatto il conto, ma credo almeno 120!

Quale posto ha visitato che le è rimasto nel cuore?
Sono per metà australiano da parte di madre, quindi sono legatissimo a Sydney che considero una delle città più belle del mondo. Poi è affascinante navigare tra le isole della Polinesia…

E come si piazza in classifica il nostro Golfo?
Nella top ten senz’altro! Da bambino abitavo a La Serra, a Lerici, e la vista sul Golfo è insuperabile, pochi posti la equivalgono.

Cosa ricorda della sua infanzia a Lerici?
Ho bellissimi ricordi di Fiascherino, dove passavo tutte le estati… E poi della mia infanzia ricordo i lunghi viaggi per il mondo.

Quanto è diversa l’infanzia delle sue figlie dalla sua?
Sono ancora più viaggiatrici di quanto sia stato io! Il primo volo di mia figlia maggiore, che ha tre anni, è stato a 6 settimane! Oggi ha già preso più di 50 voli. E anche la piccola, che ha un anno, è sulla stessa strada.

Ha fatto scalo, al comando di qualche nave, a Spezia?
No, per ora Spezia non era tra i porti toccati dalle nostre crociere, ma da giugno per la prima volta farò scalo qui.

Crede sia un porto interessante per i croceristi internazionali e di alto profilo come quelli della sua compagnia?
Credo di sì. Per ora ci siamo solo fermati all’ancora a Porto Venere e l’impressione dei visitatori è stata ottima. Spero che Spezia sia all’altezza delle aspettative in termini di servizi. Senz’altro è una grande opportunità per la città per rilanciare la propria immagine.

 

Cliccate sui link qui sotto per leggere le altre interviste di Spezzini Fuori Porto:

Enrico Oldoini

Matteo Tacconi

Andrea Storace

Carlo Massarini

Stefano Giovannoni

Rachele Buriassi

Lucia Torracca

Marco Lucchinelli

Maurizio Mannoni

Claudio Jaccarino

Riccardo Carnovalini

Stefano Mei

Alessandro Baracchini

Roberto Bocchi

Davide Macaluso

Francesco Del Vigo

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna quotidiana.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Redazione Gazzetta della Spezia

Redazione Gazzetta della Spezia
Via Fontevivo, 19F - 19123 La Spezia

Tel. 0187980450
Email: redazione@gazzettadellaspezia.it

www.gazzettadellaspezia.it

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.