Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Cai La Spezia

Cai La Spezia

Via Napoli, 156
19122 La Spezia SP

Tel. 0187 22873

Serata con il CAI La Spezia a cura della Dott.ssa Denise Trombin presso il Centro Sociale Ricreativo “Piazza Brin”.

Piena soddisfazione da parte di tutti i presenti al termine dell’escursione e un’impegno da parte della Sezione CAI La Spezia per nuove iniziative insieme all’istituto Cardarelli.

Il progetto ha coinvolto studenti di ogni ordine e grado.

Numerose iniziative coinvolgono la nostra Sezione nel percorso formativo degli studenti: iniziando con il Liceo Mazzini nell’ambito del Progetto di PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento) ex Alternanza Scuola – Lavoro e Montagnaterapia, proseguendo con la Scuola Media Jean Piaget sempre per la Montagnaterapia-disabilità, con Scout Agesci per la Montagnaterapia-disabilità e Adotta un Sentiero e con il Centro Provinciale Istruzione Adulti (CPIA) sempre nel Progetto Adotta un Sentiero.

Come si può comprendere, si tratta di un grande impegno rivolto agli studenti di ogni ordine e grado a partire dalle classi quarte del Liceo Mazzini che sono stati accompagnati in escursioni utilizzando i sentieri inseriti nella Rete Escursionistica Ligure (REL) limitrofi alla scuola. Un numeroso gruppo di accompagnatori escursionistici titolati della Sezione CAI della Spezia guidati dalla coordinatrice Prof.ssa Battisti (per il CAI) e la Prof.ssa Lombardi (responsabile del Progetto per l’Istituto Mazzini) , hanno accompagnato una sessantina di alunni in sei escursioni a rotazione con trenta ragazzi ciascuna divisi in gruppi distanziati tra loro: Antica Pieve di Santo Stefano a Marinasco, Grotta di Bocca Lupara e Coregna - bosco dell'aereoplano – Campiglia sono state le mete individuate dagli organizzatori per veicolare i giovani a stili di vita corretti per la salute ed eco sostenibili, alla conoscenza del territorio sia dal punto di vista ambientale che culturale, alla conoscenza della realtà spezzina della sezione del CAI e dell'impegno profuso da essa per la salvaguardia del territorio. Sempre con il Liceo Mazzini , nell’ambito del Progetto di Montagnaterapia “Un Sentiero per Tutti”, si sono svolte uscite con due classi aventi studenti disabili motori che sono stati accompagnati, con l’ausilio della carrozzina Joelette ,sul sentiero 504 (via vecchia di Biassa) ed al Parco della Rimembranza: la Montagnaterapia, per affermazione di Medici che ne studiano approfonditamente i benefici, è finalizzata alla cura e alla riabilitazione di individui portatori di differenti problematiche, patologie o disabilità, attuato attraverso il lavoro sulle dinamiche di gruppo, nell’ambiente culturale e naturale della montagna. Le attività di Montagnaterapia vengono progettate ed attuate prevalentemente nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale, o in contesti socio-sanitari accreditati, con la fondamentale collaborazione del Club Alpino Italiano in veste di accompagnatore qualificato nella conduzione di carrozzina Joelette.

Con la Scuola media Jean Piaget , nell’ambito Montagnaterapia e Disabilità , nei prossimi giorni , sono previste due uscite : sempre con l’ausilio di Joelette ci recheremo al Colle del Telegrafo per raggiungere il Santuario di Ns Signora di Montenero e , successivamente , alla Grotta di Bocca Lupara. Con gli Scout Agesci è stato avviato un percorso di approfondimento della conoscenza del territorio , manutenzione di un percorso “Adotta un Sentiero”, gestione ed organizzazione di un’uscita su sentiero con disabile motorio e Joelette. Con il Centro Provinciale Istruzione Adulti , in questi giorni , ha preso il via la seconda fase del progetto “Adotta un sentiero” che ha previsto una ricognizione della scalinata /sentiero numero 523 (che sarà adottato dalla Scuola), che collega Pegazzano con il forte Bramapane sul monte Verrugoli .

Nella terza fase il percorso prevede alcuni “laboratori sul campo” per verificare gli aspetti manutentivi in modo da rendere agevole e sicuro il transito da e verso i due punti di partenza ed arrivo, di notevole importanza turistica per la città e la provincia. La Sezione spezzina del Club Alpino Italiano da molti anni svolge attività di formazione nei progetti a sfondo ambientale e sociale soprattutto nei confronti dei giovani animati dalla ferma convinzione che l’educazione alla sostenibilità non sia una moda passeggera ma rappresenti in realtà l’unica chance per consegnare un mondo vivibile alle future generazioni.

Prosegue la collaborazione fra il Cai della Spezia e la cooperativa Arte&Natura, che aggrega molte guide turistiche del nostro territorio.

Iniziative in collaborazione con le guide turistiche e ambientali della Spezia.

Il Cai La Spezia, a causa della chiusura tra comuni, non potrà più continuare nella collaborazione, ma c'è speranza: "L’Associazione amici del Presepe saprà svolgere il proprio compito nel miglior modo possibile"

Dopo l'interruzione causata dall'emergenza.

Ci vuole prudenza e senso di responsabilità.

Per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale.

In corso anche una mostra in Mediateca per ricordare un socio pioniere delle attività del CAI.

Il CAI auspica che questi comporti un ancora maggiore rispetto dell'ambiente e della sicurezza da parte di chi si avvicina a questa pratica.

Nell'ambito delle attività volte a rafforzare il rapporto tra scuola e conoscenza del territorio.

Nello spezzino escursione al sito preistorico di Lagorara.

Uno stand informativo per fare conoscere le attività svolte.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.