Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Bellegoni (Partito Comunista Italiano) risponde al vicesindaco Eretta In evidenza

"Sarzana con questa amministrazione sta raggiungendo il punto più basso della sua storia politica e amministrativa"


Il post di ieri su Facebook del vicesindaco Costantino Eretta che, riprendendo le parole di un sindaco leghista, vorrebbe segnarsi tutti i cittadini che scendono in piazza contro il razzismo per obbligarli ad ospitare in casa propria migranti in difficoltà, esprime il livello estremamente basso dell’amministrazione sarzanese.

Il ritornello noioso, idiota, superficiale dell’”ospitateli a casa vostra” non dovrebbe infatti appartenere ad un vicesindaco. Le schedature ricordano i tempi del fascismo, tenga bene a mente il Dr.Eretta come andò a finire per quei fascisti. Mi auguro il vicesindaco sia a conoscenza di welfare e fiscalità del nostro Paese per cui ogni singolo cittadino non ha il dovere di ospitare a casa un immigrato per lo stesso motivo per cui non ha il dovere di occuparsi della manutenzione della sua via, delle siepi del suo quartiere, per lo stesso motivo per cui non ha il dovere di fare per forza il turno né da chirurgo né da infermiere, non ha il dovere di dirigere il traffico, non ha il dovere di rimborsare gli infortunati in guerra o sul lavoro, non ha il dovere di pagare di tasca sua le ferie e le pensioni o per lo stesso motivo per cui non ha il dovere di guidare treni o autobus. Ogni cittadino, pagando le tasse, garantisce servizi fondamentali tra cui il sostentamento alle persone in difficoltà, che siano italiane o straniere. L’accoglienza dei richiedenti asilo, inoltre, è un dovere giuridico che discende dalla Costituzione e dalle Convenzioni internazionali e per l’accoglienza dei profughi esistono fondi pubblici a destinazione vincolata, di origine europea che non possono essere erogati per altre finalità.

Pagando le tasse, pretendiamo pari diritti e pari dignità, pretendiamo che vengano aiutate le persone, di qualsiasi etnia. Di fronte alla sofferenza non esiste nazionalità. Mi rendo conto che certe bassezze, certi “specchi per le allodole” che fomentano ignoranza, superficialità, qualunquismo, razzismo e odio sociale permettono di ottenere e mantenere consenso a questa amministrazione ma la politica svolta seriamente, politici e amministratori con senso di responsabilità, hanno il dovere di coltivare la cultura dell’accoglienza e non di continuare a fomentare un’inutile guerra tra poveri che potrebbe sfociare in conflitti sociali pericolosi. Sarzana con questa amministrazione sta raggiungendo il punto più basso della sua storia politica e amministrativa ma rimane una città dove, nonostante tutto, accoglienza e integrazione, valori portanti della storia della nostra città, restano fondamentali per gran parte dei cittadini del nostro territorio che sono decisi a non sopportare oltre il dilagare delle parole d’ordine dell’intolleranza. Insieme a loro non permetteremo che queste derive prendano pieghe ancor più preoccupanti.

Matteo Bellegoni
PARTITO COMUNISTA ITALIANO
Segretario regionale Liguria

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 06 Aprile 2022 10:52

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.