Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

In un libro e in una canzone la storia di due giovani spezzini uccisi dalle squadre di azione fascista In evidenza

Il romanzo di Quber e il brano di Veo saranno presentati lunedì 30 gennaio.

Che succede quando un avvocato diventa scrittore e un medico chirurgo diventa cantautore? Lo scopriremo recandoci lunedì 30 gennaio, alle ore 17,00, in Sala Dante in Via Ugo Bassi alla Spezia.

Roberto Quber, avvocato, presenterà il suo secondo romanzo, "L'omicidio di Via del Poggio – Romanzo di una storia vera"; il medico ospedaliero Rudi Veo la sua ultima composizione, della quale è autore di musica e parole, dal titolo "Pietro Lelli".

Entrambi i lavori narrano di due delle diciannove vittime che alla Spezia le squadre di azione fascista fecero tra il 22 e il 23 gennaio 1923.

Il libro di Quber racconta, in forma romanzata, dell'omicidio del pittore anarchico trentenne Armando Zilioli. Fu prelevato nella sua abitazione di Via Indipendenza, angolo Via del Prione, da una squadra di sei fascisti e ucciso a rivoltellate nella vicina Via del Poggio. I fatti, il processo che ne seguì in Corte di Assise a Genova e ciò che accadde oltre vent'anni dopo sono narrati dall'autore con adesione alla realtà grazie a documenti inediti custoditi da Valter Zilioli, nipote della vittima.

La canzone di Veo parla di Pietro Lelli, un ventiseienne facchino del porto, comunista, che fu ucciso nella notte tra il 21 e il 22 gennaio 1923 da una squadra fascista, nel quartiere di Rebocco, vicino alla strada ferrata Spezia – Genova, in un luogo nel quale è posta una lapide a ricordo.

Alla presentazione del libro e alla canzone seguirà una conferenza tra tre studiosi e scrittori del periodo: Giorgio Pagano, copresidente del Comitato Unitario della Resistenza; Riccardo Bonvicini, autore di "Falconara, bugie, segreti e misteri di una strage" e Alberto Incoronato, autore di "Dietro la lapide dei Barbantan".

Armando Zilioli, nipote della vittima di Via del Poggio, donerà a Patrizia Gallotti, nella sua qualità di direttrice dell'Istituto Storico della Resistenza, l'originale dei documenti storici ai quali si è ispirato il romanzo di Quber.

La serata di storia e di cultura è organizzata dal Circolo Giacomo Brodolini.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Redazione Gazzetta della Spezia

Redazione Gazzetta della Spezia
Via Fontevivo, 19F - 19123 La Spezia

Tel. 0187980450
Email: redazione@gazzettadellaspezia.it

www.gazzettadellaspezia.it

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.