Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

“Lo sguardo di Telemaco. Il canto di una città”: primo incontro con i cittadini di Riomaggiore In evidenza

Lunedì 30 gennaio 2023 ore 15.30 al Castello di Riomaggiore il progetto di teatro di comunità ideato e diretto da Sergio Maifredi con Teatro Pubblico Ligure

 “Lo sguardo di Telemaco. Il canto di una città”, il progetto di teatro di comunità ideato e diretto da Sergio Maifredi con Teatro Pubblico Ligure per il Comune di Riomaggiore, inizia lunedì 30 gennaio 2023. Il primo incontro con i cittadini avverrà alle ore 15.30 nel Castello di Riomaggiore, dove chi desidera portare documenti e racconti troverà ad ascoltarli il regista Sergio Maifredi, il giornalista e scrittore Massimo Minella, il fotografo Massimiliano Valle. Tutti possono partecipare e sono invitati a farlo.


Prenderà il via così il processo creativo che, con un lavoro che procede nel corso dei prossimi mesi, si propone di descrivere il passato, il presente e il futuro del paese, avvicinato attraverso le persone che conoscono l’identità più vera delle tre frazioni Manarola, Volastra e Groppo di Riomaggiore, uno dei Comuni del Parco delle Cinque Terre, in provincia della Spezia. «Teniamo molto a questo progetto – dichiara la sindaca di Riomaggiore Fabrizia Pecunia – perché valorizza le persone che risiedono e vivono il paese tutto l’anno, attraverso le loro storie. È molto importante in un Comune come il nostro dove il turismo rischia di snaturare la vera essenza dei luoghi. Il racconto e il teatro servono a fare conoscere la nostra comunità e a cercare di mantenerla». Per l’incontro del 30 gennaio e per programmare i successivi il Teatro Pubblico Ligure raccoglie le adesioni alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o al numero di telefono 348 2624922. Teatro Pubblico Ligure torna a Riomaggiore nei mesi invernali, dopo il successo delle cinque edizioni del “Cinque Terre Art Festival”.

“Lo sguardo di Telemaco” avrà luogo da gennaio a giugno 2023, con la partecipazione dei cittadini che vorranno farsi coinvolgere portando memorie, ricordi, pensieri e prospettive sulla città. Saranno raccolti da Sergio Maifredi e da Massimo Minella attraverso una serie di incontri di cui saranno protagoniste anche tutte le figure che fanno parte del tessuto economico e produttivo di Riomaggiore, dal produttore di vino al barista, dal medico al pescatore. Sarà compito del fotografo Massimiliano Valle ritrarre i volti, gli sguardi di chi racconta o è intento al lavoro. La seconda fase del progetto prevede momenti di laboratorio in cui le storie, raccolte e trasformate in una prima stesura scenica, vengono condivise con gruppi di cittadini. Infine, nel mese di giugno al Castello di Riomaggiore avrà luogo la restituzione pubblica dello spettacolo, diretto da Sergio Maifredi e realizzato con la collaborazione della comunità, in cui saranno confluiti i racconti e le fotografie di Massimiliano Valle.

Così come Telemaco Signorini nell’Ottocento con i suoi dipinti ha raccontato Riomaggiore e le Cinque Terre, così Teatro Pubblico Ligure si propone di fare conoscere questa realtà dove natura e cultura mantengono un equilibrio straordinario e fragile, riportando in superficie attraverso il teatro l’identità più vera di Riomaggiore, che rischia la dispersione nel successo turistico che l’ha travolta negli ultimi decenni. Periodo in cui accanto all’affermarsi del marchio Cinque Terre, si è assistito a un progressivo abbandono da parte dei residenti. Questa, come tante altre perle della Liguria si presenta da un lato come un bene turistico di inestimabile e indiscusso valore, dall’altro come un territorio che fatica a ritrovare la propria comunità. Telemaco non è solo il nome di Signorini, ma anche l’eroe della ricerca e dell’ascolto nell’Odissea, l’uomo a caccia di radici e di senso nelle storie e nelle tracce.

Nello “Sguardo di Telemaco” si riflette Riomaggiore, con i suoi cittadini e le sue storie, un luogo che diventa oggetto di valorizzazione attraverso il racconto delle memorie di chi lo abita. Da anni Teatro Pubblico Ligure sviluppa progetti culturali costruiti come un abito su misura per il territorio in cui si realizzano. L’obiettivo è rigenerarne l’identità con il teatro vissuto nella sua natura di strumento di aggregazione e condivisione, che trascende la mera fruizione di spettacoli. È accaduto a Sori, Enna, Tirana, nel 2022 a Recco con “Argonauti. Un canto per Recco” e all’Abbazia di San Nicolò del Boschetto a Genova con “La città invisibile”, in collaborazione con i Rolli Days e con la direzione dell’Opera Don Orione.

LO SGUARDO DI TELEMACO
Il canto di una città
Progetto di teatro di comunità
ideato e diretto da Sergio Maifredi per il Comune di Riomaggiore
Produzione Teatro Pubblico Ligure
Gennaio – giugno 2023

Lunedì 30 gennaio 2023 ore 15.30 al Castello di Riomaggiore
1° INCONTRO CON I CITTADINI
Per dare via al progetto saranno presenti il regista Sergio Maifredi, il drammaturgo Massimo Minella e il fotografo Massimiliano Valle
Ingresso e partecipazione gradita per tutti
Per programmare gli incontri il Teatro Pubblico Ligure raccoglie le adesioni alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o al cellulare 348 2624922

Vota questo articolo
(0 Voti)
Redazione Gazzetta della Spezia

Redazione Gazzetta della Spezia
Via Fontevivo, 19F - 19123 La Spezia

Tel. 0187980450
Email: redazione@gazzettadellaspezia.it

www.gazzettadellaspezia.it

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.