Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

I carabinieri sventano un duplice femminicidio: 30mila euro per uccidere ex moglie e suocera In evidenza

Il piano del 50enne era ormai pronto per essere messo in atto. L'esecuzione del duplie delitto affidata ad un sicario.

 

Cercava un sicario per uccidere la moglie e la madre di lei. E per farlo offriva 30 mila euro, 10 mila come “acconto” ed il resto a delitto compiuto. Sembra la trama di un film ed invece è la sconvolgente realtà che da circa una settimana ha tenuto impegnati giorno e notte i Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Sarzana, dopo che era emerso il disegno criminale di un italiano 50enne di origini emiliane ma residente da tempo in val di Magra: l’uomo aveva difatti progettato l’eliminazione di moglie e suocera in un colpo solo.

Con ogni probabilità le sue intenzioni risalivano a tempo addietro ma di recente il progetto criminale aveva subìto un’accelerazione e rischiava di trasformarsi in realtà. L’uomo aveva infatti individuato e contattato un sicario cui affidare la realizzazione del delitto in breve tempo e nel modo più “pulito” possibile.

Fortunatamente il disegno criminale è arrivato alle orecchie dei Carabinieri di Sarzana, che hanno immediatamente avviato delle indagini serrate, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale della Spezia, e adottato una serie di misure precauzionali per evitare che si realizzasse.

Nel corso delle indagini, condotte senza tregua, i Carabinieri di Sarzana hanno trovato riscontro ai propositi dell’uomo - che attraverso una ricostruzione dettagliata di ogni movimento delle due donne ne aveva pianificato la tragica fine - e ne hanno documentato tutte le azioni preparatorie poste in essere. I militari sono così riusciti a bloccare il piano, ormai in fase avanzata, e nel tardo pomeriggio di ieri, in una fredda e soleggiata domenica prenatalizia, lo hanno arrestato proprio nel momento in cui stava trasformando i propositi in realtà, compiendo l’ultima azione che avrebbe segnato la fine delle due ignare vittime.

Dopo che era stato condotto in caserma, l’Autorità Giudiziaria spezzina ne ha immediatamente disposto l’accompagnamento presso la casa circondariale della Spezia.

Cosa possa averlo spinto a progettare il duplice omicidio è tuttora oggetto d’indagine ma appare plausibile una motivazione economica.

Una storia che, degna della trama di un romanzo o di un film, rischiava invece di trasformarsi nell’ennesimo femminicidio è stata sventata grazie agli uomini dell’Arma.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 13 Dicembre 2021 17:01

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.