Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Caro Energia, la richiesta di CNA La Spezia al Governo

Il Direttore Matellini: "Apra il tavolo a tutte le componenti. Senza le PMI soluzioni insufficienti".

Il direttore Cna La Spezia Angelo Matellini Il direttore Cna La Spezia Angelo Matellini

 

"L’impennata delle bollette riguarda l’intero sistema produttivo, non solo le imprese energivore ma anche e soprattutto le micro e piccole imprese che sopportano la maggior parte degli oneri generali di sistema. Senza coinvolgere le piccole imprese le soluzioni sono destinate ad essere insufficienti e parziali - spiega il direttore Cna La Spezia Angelo Matellini – Occorre un approccio organico e complessivo da parte del Governo per affrontare il problema del caro energia avviando un tavolo con tutte le componenti del sistema produttivo”.

“Le piccole imprese italiane e artigiane subiscono infatti una distribuzione iniqua del sistema degli oneri generali, a cui contribuiscono per il 49% (circa 4,7 miliardi di euro) e con i quali finanziano anche, paradossalmente, le agevolazioni per le aziende energivore alle quali non accedono - prosegue il direttore Matellini - Un problema che la nostra associazione di categoria denuncia da tempo, e che nell’attuale contingenza sta compromettendo quotidianamente l’operatività delle PMI, con rilevanti rischi di sospensione dell’attività per le aziende più esposte. La distribuzione sperequata aggrava i “normali” costi energetici di un ulteriore 35%, mettendo le piccole imprese ai margini di un mercato in cui le realtà industriali hanno il vantaggio competitivo di pagare l’energia quattro volte di meno".

"E’ quindi necessaria la riforma rapida e drastica della struttura della bolletta, che garantisca una distribuzione più equa degli oneri generali di sistema tra le diverse categorie di utenti e legata all’effettivo consumo - chiede la CNA - Inoltre, va affrontata la revisione della disciplina delle agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia, limitando i benefici alle sole aziende che abbiano effettivamente realizzato interventi di efficienza energetica”.

“Infine, va guardato con attenzione il fenomeno delle “rendite inframarginali” che condiziona ilpeso dei costi energetici producendo extramargini di guadagno per alcuni produttori. Si tratta di un meccanismo che crea inefficienze nel processo di formazione del prezzo di borsa, che contribuisce ad aggravare ulteriormente un quadro già complesso”, conclude il Direttore di Cna La Spezia Angelo Matellini.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 19 Gennaio 2022 17:16
CNA

Confederazione Nazionale Artigianato
Via Padre Giuliani, 6
19125 La Spezia

Tel. 0187598080
Twitter @laspezia@cna.it

 

www.sp.cna.it/

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.