Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

A Corniglia ultimi giorni per la mostra UNRULED In evidenza

Sei artisti di quattro nazioni hanno affrontato il tema del difficile equilibrio tra uomo e natura.

In questi giorni si conclude, dopo quasi due mesi di esibizione, la mostra UNRULED, presso l’oratorio dei disciplinati. UNRULED, proposta a Corniglia dalla galleria milanese STAYONBOARD ART GALLERY e curata da Nicola Bigliardi che ha voluto portare a Corniglia un dialogo inedito tra l’ambiente sacro e il “profano” ovvero l’arte contemporanea senza schemi. In un’epoca profondamente materialista e votata allo spettacolo, l’essere Unruled, cioè senza regole, non consiste nel conformarsi alle stravaganze fini a sè stesse che imperversano sempre più nel sistema dell’arte, sia nelle opere che nel culto narcisistico della personalità sui social, ma consiste nel disobbedire al politically correct, alle mode del tempo e agli automatismi di pensiero. In un mondo dove la regola è l’essere fuori dalle righe, la vera trasgressione si ritrova nel gettare la “maschera ipocrita del buon cittadino democratico” (Agamben) e abbeverarsi, senza filtri, alla fonte spirituale per eccellenza qual è l’arte.

Stayonboard ha presentato a Corniglia in sette settimane sei artisti di quattro differenti nazioni (Italia, Germania, Ucraina, Inghilterra) che si sono cimentati un un tema molto attuale: il difficile equilibrio tra uomo e natura. Albina Yaloza (Ucraina) che ha dedicato in particolare all’oratorio un’opera molto speciale, un Cristo liberato senza croce emblema universale di pace salvifica. William West, scultore inglese del Galles, grande talento nella ricerca scultorea dell’utilizzo dei materiali “di scarto” delle cave. Ha dedicato proprio a Corniglia e alle 5 Terre un’opera straordinaria completamente in ardesia (riciclata da materiali di scarto): un agave morente con il suo fiore simbolo della vita che rinasce. Gunter Pusch pittore tedesco della baviera che ha portato le sue opere in cui la natura si riappropria di spazi industriali, rinascendo dal metallo, dalle fessure prepotente e colorata. L’artista propone anche due video inno al rispetto della natura e del mondo animale. Abbiamo poi tre artisti italiani. Il fine artist Giulio Cassanelli, che propone il tema della “Black Apple”, la mela simbolo di natura e tecnologia per eccellenza rivisitata in diverse fasi di disgregazione colte con maestria dalla fotografia e stampa in bianco e nero di Cassanelli. A questo si affianca la leggerezza dell’istante d’oro unico in cui una bolla di sapone si frantuma e viene fermata dall’artista in questa sua unicità. Simone Butturini, artista veronese che proprio nel luogo dell’ordine dei disciplinati che tra le loro tante attribuzioni si occupavano anche degli orfani di mare, propone una parete con i suoi fari, simbolo per eccellenza del contrasto tra la sopravvivenza dell’uomo e la forza della natura, in una sublimazione post impressionista di grande maestria. E a chiudere le opere astratte di Angelo Bertoglio, pittore lombardo, che propone con i colori caldi della terra superfici e fessure che nascondono l’enigma della natura.

La mostra, patrocinata dall’Associazione Uniti per Corniglia, dal Parco delle 5 Terre e dal Comune, in questi giorni si concluderà con il seguente programma:
Sabato 29 Ottobre: 16:30 L’arrivederci UNRULED
Domenica 30 Ottobre: ore 11:00 Matinee in musica con flauto e chitarra del duo Piardi-Torres
Martedi 1 Novembre ore 12:30 Chiusura mostra con un intervento riassuntivo di Nicola Bigliardi e Clelia Di Serio

Vota questo articolo
(0 Voti)
Redazione Gazzetta della Spezia

Redazione Gazzetta della Spezia
Via Fontevivo, 19F - 19123 La Spezia

Tel. 0187980450
Email: redazione@gazzettadellaspezia.it

www.gazzettadellaspezia.it

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.