Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Appalto carceri in Liguria, Fisascat Cisl si interroga sul futuro di 8 lavoratori

Spacchettate le attività di vitto e sopravvitto. Il sindacato: "Cosa succederà ai lavoratori che si occupano di questa attività?".

La Fisascat Cisl della Spezia si interroga dopo che il ministero della Giustizia ha emanato un bando dove le attività di "vitto" e "sopravvitto" verranno separate e aggiudicate a due aziende distinte.

"In molti carceri il lavoro di magazzinaggio è svolto da un solo dipendente che si ritroverà, nella migliore delle ipotesi, una riduzione contrattuale dell'80%, e nella peggiore si ritroverà senza lavoro - fa notare il sindacato - Ci chiediamo cosa succederà ai lavoratori che attualmente svolgono questo lavoro con lo spacchettamento dei due servizi tra due diverse imprese. Il ministero della Giustizia ha messo nel bando il massimo ribasso e non l'offerta più vantaggiosa, pertanto se si continuano ad aggiudicare appalti a circa 3 euro per colazione/pranzo/cena di un adulto non si migliorerà mai la situazione. Il ministero non sembra minimamente considerare le ricadute occupazionali delle sue decisioni".

La Fisascat Cisl della Spezia ha già incontrato il Prefetto spezzino per attenzionare la grave problematica e ha avanzato alcune proposte: inserire nella gare d'appalto le clausole sociali per la continuità lavorativa del personale già impiegato in modo che le aziende ne tengano conto nel formulare la loro offerta; mentre può essere applicabile la separazione dei due servizi nelle carceri con molte centinaia di detenuti, dove vi lavorano diversi magazzinieri (divisibili tra due aziende), ha poco senso dividere i due servizi nelle carceri con poche decine di detenuti o gestite attualmente da un solo magazziniere. Le due aziende assumeranno la stessa persona al 50%? Chi lavora si ritroverà ad avere un lavoro dimezzato e per di più senza poter ricorrere all'indennità di disoccupazione in quanto "occupato"? Il Ministero inserisca nella gara criteri e norme per la tutela dei lavoratori, chiede il sindacato; iInvece di assegnare gli appalti col criterio dell'offerta al ribasso sulla base d'asta, sarebbe una vera rivoluzione assegnarle sulla base di ciò che le aziende offrono in servizi con il nuovo limite di 5.70 euro lasciato fisso, fa notare la Fisascat Cisl.

"Auspichiamo che si apra nell'immediato un tavolo di discussione per la soluzione dei problemi invitando e sentendo i pareri di tutti gli attori di questa realtà lavorativa e non solo i garanti dei detenuti".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 16 Dicembre 2021 10:16
CISL

Via Paolo Emilio Taviani, 52
19125  La Spezia

Tel.  0187564918
Fax.  0187520115
E-mail:rf.laspezia@cisl.it

 

www.cafcisl.it/leggi_sedi.cfm?provincia=SP

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.