Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

Incendi, nel 2022 sono almeno il 170% in più dello scorso anno In evidenza

 

Per ripristinare le aree verdi distrutte serviranno almeno 15 anni.

Secondo i dati raccolti dalla Confederazione Nazionale Coldiretti, i roghi che ormai da mesi attanagliano l’Italia intera stanno toccando livelli senza precedenti. Con un +170% di incendi nel 2022 rispetto alla media nazionale – spinti da un mese di luglio bollente e siccitoso, che ha favorito la corsa del fuoco lungo boschi e campagne di tutta la Penisola – si stima che i roghi finora domati abbiano procurato danni ingenti all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo nostrani.

“Ci vorranno almeno 15 anni – spiega la Confederazione – per ripristinare completamente le zone verdi distrutte dalle fiamme, con danni pari a oltre diecimila euro all’ettaro fra le spese immediate per lo spegnimento e la bonifica delle zone colpite e quelle a lungo termine, relative alla ricostituzione dei sistemi ambientali ed economici delle aree devastate”.

Il divampare delle fiamme è certamente favorito dal clima anomalo di questa torrida estate 2022, che, con una temperatura addirittura superiore di 0,76 gradi rispetto alla media storica, si classifica come l’anno più caldo di sempre.

“Ma a preoccupare – sottolinea la Confederazione Nazionale Coldiretti – sono anche la disattenzione e l’azione dei piromani. Si stima, infatti, che oltre il 60% degli incendi finora riscontrato in Italia sia stato causato volontariamente”.

Unitamente a ciò, le alte temperature e l'assenza di precipitazioni degli ultimi mesi hanno inaridito i terreni, favorendo l'innesco degli incendi nelle campagne e nei boschi, “spesso abbandonati a causa della chiusura delle aziende agricole, che non possono più svolgere una funzione di controllo e monitoraggio per intervenire tempestivamente” sottolinea ancora la Confederazione.

“Per difendere il bosco italiano – continua – occorre creare condizioni economiche e sociali tali per cui sia possibile contrastare l’allontanamento dalle campagne, valorizzando quelle funzioni di vigilanza, manutenzione e gestione del territorio svolte dagli imprenditori agricoli, anche nei confronti delle azioni criminali”.

 

“Nell’ultimo periodo – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria, Gianluca Boeri, e il Delegato Confederale, Bruno Rivarossa – anche la Liguria ha dovuto far fronte su tutto il suo territorio a numerosi episodi relativi a incendi boschivi, sia accidentali che dolosi”. Nonostante la situazione venga tenuta sotto controllo, i danni ambientali che si riscontrano dopo episodi come questi sono, purtroppo, sempre un problema, sotto diversi punti di vista. “Come l’Italia intera, anche la Liguria – continuano Boeri e Rivarossa – in questo scenario si trova continuamente a rischio incendi. La siccità e il caldo torrido non danno tregua, e il dolo è sempre dietro l’angolo. Alcuni accorgimenti, però, possono contribuire a limitare i pericoli, almeno in questo senso. Anzitutto, non abbandonare mai rifiuti o immondizie all’interno o in prossimità di aree boschive e, in particolare, evitare la dispersione nell’ambiente di contenitori sotto pressione (quali bombolette di gas, deodoranti, vernici et similia) che, con le elevate temperature, potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente, risulta fondamentale. Nel caso in cui venga avvistato un incendio, inoltre, è bene non prendere iniziative autonome, ma piuttosto allertare tempestivamente i soccorsi, mantenendosi sempre a favore di vento ed evitando di farsi accerchiare dalle fiamme”.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna quotidiana.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Coldiretti

Via XXIV Maggio,
19124 La Spezia

Tel. 0187 736041

www.laspezia.coldiretti.it/

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.