Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

"L'emendamento del PD era solo un modo per sviare l'attenzione da quanto ha fatto in questi anni"

La Consigliera di Cambiamo Daniela Menini commenta il voto sull'emendamento che avrebbe dovuto vietare la costruzione, in Liguria, di centrali a combustibili fossili.

Daniela Menini Daniela Menini
"Comprendo bene l'esigenza di fare un'opposizione utile, corretta e finalizzata a un reale sviluppo della nostra regione, ma quello che non capisco è quando si cerca di strumentalizzare qualcosa per il solo gusto di cercare una facile visibilità - dichiara Daniela Menini, consigliera regionale della Lista Toti Liguria - In questo caso faccio riferimento alla polemica rinfocolata dall'opposizione in Consiglio regionale, che ieri è ritornata sull'emendamento non approvato durante l'ultima assemblea legislativa che avrebbe vietato la costruzione di centrali a turbogas in Liguria".

"Sembra improbabile, ma dopo che l'emendamento è stato respinto con le dovute spiegazioni, la sinistra ha avvertito il bisogno di tornare sulla questione, sottolineando che 'Non si è voluto guardare al futuro ma si è voluto ancorare la Liguria al passato'. - spiega ancora la consigliera arancione - 'Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire', verrebbe da dire, perché la questione è abbastanza chiara e non avrebbe bisogno di ulteriori spiegazioni rispetto a quelle che sono già state fornite. Se la coalizione di centrosinistra fa riferimento al futuro della centrale a turbogas della Spezia, sappiamo bene che non spetta certo alla Regione esprimersi in maniera vincolante, ma è una scelta di carattere politico nazionale, come già ribadito a più riprese dal ministro Cingolani in Parlamento. Inoltre esiste un Piano Energetico che prevede che una delle cinque centrali a turbogas di continuità che rimarranno nel nostro Paese sia situata alla Spezia. Ovviamente è importante ribadire come il parere del presidente Giovanni Toti, a tal proposito, sia già stato espresso e sia negativo e coincidente con quello del sindaco Peracchini e del territorio spezzino nella sua interezza".

"Questo non toglie che la competenza sia interamente del Governo, che decide cosa bisogna fare in materia di politica energetica nazionale e dispone di tutti gli strumenti necessari per superare le obiezioni che possono provenire dal territorio. - conclude Menini - Visto che l'emendamento presentato dall'opposizione non parlava nello specifico della centrale a turbogas della Spezia, viene da pensare che fosse solo un tentativo di sviare gli occhi da quello che il Pd ha fatto negli anni a questo territorio, ma come i consiglieri di centrosinistra ben sanno, i cittadini liguri non hanno il prosciutto sugli occhi e sanno distinguere chi lavora nel loro interesse da chi invece deve sottostare a logiche politiche che nulla hanno a che fare con le istanze locali".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.