Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

Accessori che vengono anche chiamati fari, proiettori o anche gruppi ottici. 

 

Col termine fanali si indicano dei dispositivi montati sulla parte anteriore, posteriore e laterale dell’auto, il cui compito è quello di emettere un fascio luminoso per la segnalazione e l’illuminazione della strada antistante. Questi accessori vengono anche chiamati fari, proiettori o anche gruppi ottici. 

Le luci dei fanali possono essere ad incandescenza, allo xeno, LED o laser. Quest’ultimo è particolarmente adatto per i fari antinebbia, in quanto produce una luminosità monocromatica ad un’unica lunghezza d’onda, molto più intensa di quella emessa dalle tradizionali luci LED.

Immagine della fanale tratta da autoparti.it

 

I fanali si dividono in due grosse categorie: fanali obbligatori e fanali ausiliari.

Alla categoria dei fanali obbligatori, che per legge devono essere installati su ogni veicolo, appartengono i seguenti dispositivi:

  • Luci di posizione, di colore bianco o giallo nella parte anteriore e di tonalità rossa o arancione in quella posteriore.
  • Proiettori anabbaglianti, di colore bianco o giallo, che ottimizzano la visione su strada di notte o in condizioni di scarsa visibilità. Questo tipo di proiettori nella comunità europea sono obbligatori solo in Italia, Danimarca, Svezia, Finlandia ed in alcuni Paesi dell’Est. 
  • Proiettori di profondità, anche detti abbaglianti, di colore bianco o giallo, capaci di illuminare la strada su una lunga distanza. A causa della loro luce molto intensa il loro utilizzo è vietato nei centri urbani.
  • Luci di stop, situate nella parte posteriore e di colore rosso, atte a segnalare l’inizio di una manovra frenante.
  • Proiettore di retromarcia, di colore bianco, che serve ad illuminare la porzione di strada in cui si fa retromarcia.
  • Indicatore luminoso di direzione a luci intermittenti, comunemente noto come freccia, che consiste in una luce intermittente in posizione frontale e posteriore.
  • Luci posteriori per nebbia, anche chiamate retronebbia, da utilizzare in caso di fitta nebbia ed atte a rendere visibile il veicolo alle auto che sopraggiungono.
  • Luce della targa, attivata insieme alle luci di posizione, che serve ad illuminare la targa dell’auto.

 

Alla categoria dei fanali posteriori appartengono questi dispositivi:

  • Proiettori fendinebbia, che costituiscono un’alternativa ai proiettori anabbaglianti.
  • Luci di parcheggio, atte a segnalare una sosta in posizione pericolosa.
  • Luci d’angolo, che servono a migliorare la visione angolate.
  • Proiettore di svolta, che si attiva in curva.
  • Luci di marcia diurna, che possono sostituire gli anabbaglianti e le luci di posizione nella marcia diurna. Dal 2011 questi dispositivi sono stati resi obbligatori sui veicoli dell’Unione europea.

 

Vediamo ora di fornire alcune informazioni supplementari sulle caratteristiche e sui problemi attinenti al fanale posteriore dell’auto.

Il fanale posteriore si trova, come indica il nome stesso, nella parte posteriore del veicolo sopra il paraurti. Esso si compone di luci bianche affiancate da luci rosse, che hanno la funzione di illuminare la strada ed anche di segnalare la manovra di retromarcia dell’auto, avvisando così gli altri automobilisti della presenza del veicolo sulla strada in condizioni di scarsa visibilità o quando si è al buio. Queste luci, illuminando l’automobile stessa, permettono di distinguerne la sagoma e le dimensioni.

 

Le cause più frequenti, alle quali attribuire un malfunzionamento di queste luci, sono:

  • Difetto ai fusibili. La scatola dei fusibili è posizionata in genere sotto il cofano della macchina o sul lato passeggeri anteriore dell’abitacolo. I fusibili sono responsabili per il corretto funzionamento dei componenti elettrici della vettura. Lo stato dei fusibili può essere verificato con l’ausilio di un apposito tester per fusibili. I fusibili difettosi vanno sostituiti il prima possibile con altri del medesimo amperaggio. 
  • Difetto alla lampadina che non resta accesa in quanto esaurita da un uso prolungato. In questo caso occorrerà smontare il coperchio per esaminare la lampadina ed eventualmente effettuarne la sostituzione, nel caso in cui il filamento risulti rotto.
  • Difetto alla presa, dovuto ad esempio ad un’infiltrazione di umidità che ne ha provocato la corrosione o ad un cattivo collegamento dei fili tra la presa e la lampadina. In questo caso avvalendosi dell’ausilio di un multimetro è possibile verificare se la corrente elettrica giunge correttamente al fanale.

 

Nel caso non si abbia molta familiarità con i componenti del sistema elettrico dell’auto, si consiglia di rivolgersi ad un esperto elettrauto per compiere i suddetti controlli ed eventuali interventi di sostituzione.

Ci auguriamo che la lettura di questo articolo sia stata utile.



È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna quotidiana.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Redazione Gazzetta della Spezia

Redazione Gazzetta della Spezia
Via Fontevivo, 19F - 19123 La Spezia

Tel. 0187980450
Email: redazione@gazzettadellaspezia.it

www.gazzettadellaspezia.it

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.