Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Ambientalisti e Comitati su taglio alberi Viale Amendola, Scalinata Cernaia e Pinetina In evidenza

Documento di Italia Nostra, WWF, Legambiente, FAI, LIPU, Cittadinanza Attiva, Comitato per La Pinetina, Comitato per la Scalinata Cernaia.

Le Associazioni Ambientaliste ed i Comitati locali ritengono necessario portare a conoscenza dei cittadini alcune considerazioni derivanti dalla lettura ed acquisizione recente di atti, progetti, perizie richieste ed ottenute dalla Amministrazione Comunale di La Spezia e relative al taglio degli alberi di VIALE AMENDOLA – SCALINATA CERNAIA – PINETINA.

Quanto di seguito riportato è stato oggetto di discussione in recenti incontri con l'Assessore Vice-Sindaco RUGGIA ed i suoi tecnici.

Su Viale Amendola e Scalinata Cernaia è stata commissionata dal Comune nel 2010 e 2011 una perizia sullo stato delle alberature alla Coop. DEMETRA di Milano.

In entrambe le perizie che sono state effettuate per verificare la "propensione al cedimento " e "stabilità" degli alberi è stato chiaramente riportato che le alberature sono compromesse per "errate potature" – "interventi per allargamento stradale, creazioni di muretti, non corretti" nonché ( caso Viale Amendola ) da "ammaccature" per urto delle macchine parcheggiate. In altri termini nel passato la manutenzione e cura delle alberature è stata a dir poco "trascurata". Di tale situazione ha anche preso atto l'Assessore Ruggia precisando che d'ora in poi verranno reperite risorse per la regolare manutenzione delle piante.

Nelle perizie sopra citate è riportata una classificazione degli alberi in base alla propensione al cedimento (A senza problemi, B con pochi problemi di stabilità, ecc.) inserendoli rispettivamente nelle classi A – B – C – CD – D. Il metodo usato è la VTA che è un controllo visivo e strumentale in pratica per valutare il rapporto "parte sana ", "parte ramollita" del tronco. Come la stessa DEMETRA precisa tale metodo che non è riconosciuto come risolutivo né dai tribunali italiani né europei, (in poche parole un albero classificato A può cadere il giorno dopo ed uno classificato D durare altri 10 anni) individua gli alberi della classe D come quelli con "estrema propensione al cedimento" e quelli della classe CD "da verificare annualmente" indicando anche per questi ultimi le operazioni da effettuare per aumentarne la stabilità.

Va anche notato che in numerose nazioni (Svizzera – Austria e Regione autonoma Trento e Bolzano) in presenza di alberature centenarie non ci si accontenta della VTA ma viene effettuata prima di tagliarle a campione la prova "tirante" (di intuibile e facile applicazione).

Si precisa altresì che la Cooperativa Demetra per Viale Amendola individua solamente sei alberi, forse, colpiti dalla malattia "cancro rosso del platano" e suggerisce per convalidare o meno la presenza della malattia stessa di eseguire le opportune analisi fitopatologi che, analisi ad oggi non ancora consegnate. Al riguardo si deve ancora una volta notare che nel passato non sono stati fatti interventi previsti dalla relativa profilassi per eliminare l'eventuali piante malate, vettori dell'agente patogeno, in Francia si possono notare piante secolari affiancate da giovani piante, sempre della medesima specie, con un rinnovamento continuo che non stravolge il paesaggio urbano.

Negli incontri effettuati le Associazioni hanno preso atto che:

- è stata ammessa la cattiva e carente manutenzione delle alberature delle passate amministrazioni

- malgrado le indicazioni della stessa DEMETRA in questi ultimi due anni non è stata effettuato nessun intervento per migliorare la stabilità degli alberi classificati CD (continuando pertanto la prassi della carente manutenzione)

- in Viale Amendola e Scalinata Cernaia è stato programmato il taglio delle alberature D e CD il tutto giustificato dalla affermazione "noi dobbiamo garantire l'incolumità pubblica se cade un albero noi siamo responsabili".

Lasciamo al lettore ogni commento.

Da parte nostra si è proposto:

• di effettuare a campione prove "tiranti" soprattutto sugli alberi secolari che caratterizzano i luoghi ormai storici

• di escludere per VIALE AMENDOLA la realizzazione a livello di un mega parcheggio facilitato dall'attuale taglio / reimpianto dei platani

• di realizzare per SCALINATA CERNAIA ( come verificato con i tecnici competenti ) le necessarie fognature ed allacciamenti utilizzando i cunicoli esistenti senza scavo di una "trincea" centrale devastante per le radici degli alberi.

Tutto questo per non alterare le caratteristiche storiche, culturali di zone della nostra città con progetti spesso inutili e non condivisi ( vedi anche Piazza Verdi ).

Attendiamo concrete risposte e invitiamo la cittadinanza ad informarsi puntualmente anche presso le Associazioni / Comitati firmatari ed esprimere nelle manifestazioni che al riguardo verranno organizzate nei prossimi mesi sul verde cittadino, la propria opinione.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 01 Ottobre 2012 17:05

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.