Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

"Regione Liguria dà il via libera all'uccisione di oltre 35mila cinghiali, poi fa di tutto per salvarne 9" In evidenza

La risoluzione della questione cinghiali alla Maggiolina non convince Coldiretti.

Dopo 16 giorni di limbo, ieri sera il Governatore della Liguria, Giovanni Toti, ha annunciato che, a seguito della riunione tra Regione Liguria, Comune della Spezia, Asl5, il Commissario Straordinario Angelo Ferrari e gli enti preposti per decidere il futuro dei cinghiali, è stato disposto che i 9 ungulati rinchiusi alla Maggiolina dal 7 agosto saranno prelevati in sicurezza dal Nucleo Faunistico Venatorio della Regione Liguria e trasportati in un'area idonea, che verrà individuata nelle prossime 24-48 ore, dove trascorreranno un periodo ritenuto congruo per escludere il contagio da peste suina o da altre malattie.

“La decisione – spiegano Gianluca Boeri, Presidente di Coldiretti Liguria, e Bruno Rivarossa, Delegato Confederale – non è quella che ci aspettavamo. Anzitutto, non viene precisata l’area in cui verranno trasportati gli ungulati, che invece, come Coldiretti Liguria, a questo punto, chiediamo venga resa nota, così da poter tenere sotto controllo la situazione. In secondo luogo, non viene fatto cenno in alcun modo alle effettive tempistiche del periodo definito congruo dal Presidente Toti che, a nostro avviso, dovrebbe essere ben più esteso di quanto sembrano sottintendere tali affermazioni”.

Non va dimenticato che, durante la prossima stagione di caccia, nelle zone liguri non soggette alle restrizioni per la peste suina, il Piano regionale di interventi urgenti per la gestione, il controllo e l'eradicazione della peste suina africana nei suini da allevamento e nella specie cinghiale (Priu) – approvato dalla giunta della Regione Liguria e inviato all'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e al Centro di referenza nazionale pesti suine (Cerep) per i pareri di competenza – prevede che si potranno abbattere fino a 35.451 cinghiali: una cifra pari al 180% di quanto fatto nell'ultimo anno.

“Un provvedimento importante – continuano Boeri e Rivarossa – per l’agricoltura e l’allevamento liguri e per tutti gli imprenditori che, ormai da troppo tempo, vedono il proprio lavoro distrutto dagli ungulati, sia per i danni materiali a campi e strutture che, nel corso dell’ultimo anno, per la peste suina, che ha costretto molti anche ad abbattere animali sani”.

La crescita del contingente cacciabile risponde a precise indicazioni dei Ministeri della Salute e delle Politiche agricole per il contenimento della peste suina africana, che a loro volta comporterebbero la riduzione dell'80% della popolazione dei cinghiali tra caccia e prelievi di controllo. Un obiettivo, quello fissato per il 2022/2023, piuttosto ambizioso e indirizzato essenzialmente al depopolamento delle aree indenni della Liguria attraverso azioni sia di caccia che di controllo faunistico, i cui numeri previsti Coldiretti Liguria auspica vengano rispettati, contrariamente a quanto avvenuto, invece, in passato.

“Tenendo da conto tutti questi aspetti – incalzano il Presidente ligure e il Delegato confederale – come abbiamo già avuto modo di affermare in precedenza, in un contesto come quello che si è venuto a creare nelle ultime settimane alla Maggiolina, nel caso in cui non si volesse procedere con l’abbattimento, le uniche condizioni auspicabili per una risoluzione rispettosa sia della norma vigente che della sicurezza di cittadini, agricoltori e allevatori consisterebbero nello spostamento e nella successiva custodia degli animali entro un’area privata, nel rispetto delle norme vigenti, con la garanzia che non torneranno in libertà su suoli pubblici o privati, per non danneggiare l’ambiente e l’agricoltura. Coldiretti Liguria si farà parte attiva nell’incalzare gli enti preposti affinché riaspettino queste condizioni, in modo tale che gli ungulati non vengano in alcun modo rimessi in libertà su suolo pubblico. Nella malaugurata ipotesi in cui ciò dovesse accadere, saremo noi stessi, in prima persona, a farci promotori delle dovute azioni legali nei confronti dei trasgressori. Si tratta di un evento eccezionale, che ci auguriamo fortemente non si ripeta, in quanto va contro gli interessi delle aziende agricole liguri, già abbastanza vessate dalle condizioni climatiche e dalla situazione economica contingente e che, soprattutto in virtù della quanto mai prossima apertura della stagione venatoria in Liguria, risulta anche incoerente da parte di un ente come Regione Liguria, che prima emana un provvedimento per abbattere oltre 35mila cinghiali e poi fa di tutto per salvarne 9”.

 

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna quotidiana.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Coldiretti

Via XXIV Maggio,
19124 La Spezia

Tel. 0187 736041

www.laspezia.coldiretti.it/

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.