Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Sarzana, il plesso XXI Luglio diventerà un centro polifunzionale In evidenza

 Sindaco Ponzanelli: “Dopo troppi anni di chiacchiere e la nostra vecchia scuola abbandonata al degrado, cominciamo a costruire davvero il futuro di un patrimonio di tutti i sarzanesi”

Potrà avere un futuro e, con una diversa funzione, potrà tornare da essere una struttura al servizio della città e dei sarzanesi. La vecchia scuola XXI Luglio, plesso di riferimento per intere generazioni di sarzanesi, chiusa nel lontano 2006 e oggi purtroppo diventata un monumento al degrado e all'abbandono, potrà essere riqualificata come un centro aperto al pubblico e polifunzionale.

E' di cinque milioni di euro infatti il finanziamento concesso alla nostra città nell'ambito del bando sulla rigenerazione urbana (cui si era candidata l'Amministrazione sarzanese con deliberazione di Giunta comunale n. 132 del 3 giugno 2021) dei Ministeri dell’Interno, Economia e Finanze e Infrastrutture, firmato il 30 dicembre dai capi-dipartimento del Ministero dell’Interno per gli affari interni e territoriali Claudio Sgaraglia, della Ragioneria generale dello Stato del Ministero dell’Economia e delle Finanze Biagio Mazzotta, e del Dipartimento per le Opere pubbliche, le politiche abitative e urbane, le infrastrutture idriche e le risorse umane e strumentali del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile Ilaria Bramezza. Il decreto che stanzia le risorse del PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza) ha infatti premiato i Comuni che hanno proposto i progetti migliori in Italia.

E Sarzana è fra questi. Nel rispetto della normativa di riferimento sulla sicurezza scolastica che impedisce la riqualificazione o la costruzione di plessi a più di un piano la vecchia XXI Luglio verrà recuperata, coerentemente con le linee del bando appena vinto, per diventare centro pubblico e polifunzionale. Le norme tecniche relative all'edilizia scolastica prevedono difatti - per ragioni di sicurezza e di distribuzione orizzontale e verticale degli ambienti scolastici - che i nuovi plessi scolastici per le scuole primarie e secondarie debbano essere progettati su immobili di uno o al massimo due piani: caratteristiche che il vecchio plesso XXI Luglio, a seguito del lungo periodo di interdizione e con il suo terzo piano sottoposto a vincoli, evidentemente non possiede.

Una prescrizione che per l'Amministrazione Ponzanelli, oggi premiata con l'erogazione dell'ingente finanziamento statale, non ha però rappresentato un limite alla visione di recupero e di rilancio di un edificio che appartiene alla memoria storica della nostra città e per il quale, fin da suo insediamento, ha iniziato un percorso di studio e di verifica sulle opportunità in campo. Per ottenere i fondi e avviare il percorso di riqualificazione dell’immobile, l'Amministrazione comunale, a novembre 2019, infatti aveva affidato l'incarico per la fattibilità tecnico-economica: il progetto, da ben 12 milioni e mezzo di euro, è stato suddiviso in vari lotti di intervento per aumentarne - oggi possiamo dire con successo- le opportunità di finanziamento. Per prima la riqualificazione per l’idoneità statica dell’intero edificio, oggi inagibile, quindi la suddivisione in tre parti della struttura per la riqualificazione, impiantistica e arredi: la parte sul retro della struttura, che guarda su piazza Vittorio Veneto, e la struttura vera e propria che può essere divisa in un’ala sinistra e un’ala destra (la vecchia ala dei "maschi" e delle "femmine", oggi ancora visibili).

Per cogliere quest'opportunità, l'importo massimo che poteva richiedere Sarzana all'interno del bando di rigenerazione urbana era di cinque milioni di euro: il progetto presentato, è stato quindi adattato a questo limite, ed è stato accolto e finanziato. All’interno del finanziamento statale l'ente comunale, investendo 200mila euro, procederà ora entro l'anno ad affidare l'incarico per la progettazione esecutiva di riqualificazione complessiva della struttura finalizzata all'idoneità statica necessaria al suo utilizzo. Quindi si procederà a riqualificare una delle due parti della struttura frontale che, nel rispetto del decreto statale dovrà essere indirizzata a un “miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale, con particolare riferimento allo sviluppo dei servizi sociali e culturali, educativi e didattici, ovvero alla promozione delle attività culturali e sportive”: in questo caso potrebbe essere dedicata allo sviluppo culturale e sociale cittadino. "L'edificio del XXI luglio appartiene alla memoria storica e al patrimonio identitario di ogni sarzanese.

Abbiamo deciso sin da subito che non potesse essere lasciato all’abbandono, al degrado e alla malinconia come in tutti gli scorsi anni - ha dichiarato il sindaco Cristina Ponzanelli -. Dopo decenni di chiacchiere e nulla, abbiamo deciso di affrontare finalmente il tema con serietà, affidando la progettazione della sua riqualificazione e con questa ricercando fondi all’esterno, come abbiamo sempre fatto fino a oggi con successo. Senza progetti, percorsi amministrativi seri e credibili e il lavoro di ogni singolo giorno non potremmo recuperare nulla, e noi vogliamo farlo pezzo per pezzo per questa città dalle grandi risorse. Proseguiamo, uniti e forti delle energie positive di questa straordinaria città, per costruire finalmente il nostro futuro recuperando i valori assoluti del nostro passato, abbandonati per troppi anni.”.

Come noto la vecchia scuola XXI Luglio venne chiusa nell'agosto del 2006 su disposizione dell'allora sindaco Massimo Caleo, a seguito di una relazione del Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica del Politecnico di Torino che ne evidenziava “l'eterogeneità degli elementi strutturali consigliandole il non utilizzo come struttura scolastica”. Se ne tornò a parlare otto anni dopo, nel 2014, quando ne venne paventata addirittura la vendita a Cassa Depositi e Prestiti sotto la gestione di Alessio Cavarra. Fino all’insediamento della Giunta Ponzanelli che, abbandonata da subito l'idea di alienare l'immobile, ha iniziato a lavorare per individuare un percorso serio e credibile che potesse portare al recupero e alla riconsegna dell'edificio alla città. Nel novembre del 2019 - come detto- l'Amministrazione affidava a ITEC Engineering Srl “l'incarico professionale per l'esecuzione dei rilievi e all'assistenza dei sondaggi finalizzati alla verifica e alla proposta di fattibilità tecnica per le opere strutturali per la trasformazione del plesso scolastico XXI Luglio in edificio pubblico”. Per la prima volta dunque, dopo 13 anni durante i quali la struttura si stava lentamente sgretolando sotto gli occhi dei sarzanesi, veniva concretamente avviato un iter di studio e verifica per individuare modi, costi e tempi per il suo recupero. In più occasioni il sindaco Ponzanelli ha infatti ribadito che “per partecipare ai bandi pubblici - siano statali o regionali - occorrono progetti di fattibilità tecnico-economica senza i quali si parla del nulla”.

A giugno del 2021 la Giunta comunale approva il progetto di fattibilità tecnico/economica relativo al primo lotto per 5milioni di euro e, di fatto, dà il via libera alla partecipazione al bando statale per “l'assegnazione ai comuni di contributi per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale”. Lo scorso 30 dicembre, con l'assegnazione delle risorse del PNRR a Sarzana dei Ministeri competenti, è arrivata la conferma della bontà di una scelta che il sindaco Ponzanelli ha voluto fortemente. Ora non resta che rispettare i tempi che, secondo quanto stabilito dal decreto per tutti gli enti assegnatari dei fondi, stabiliscono nel 30 settembre 2023 il termine per l’affidamento dei lavori peraltro coincidente con la data di stipulazione del contratto; entro il 31 marzo 2024 dovrà invece essere già stata realizzata almeno una percentuale pari al 30% delle opere, mentre i lavori dovranno concludersi entro il 31 marzo 2026, in linea con il termine di conclusione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(1 Vota)

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

https://www.auto-doc.it/
Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.