Stampa questa pagina

Monterosso, forse una perdita nella condotta subacquea alla base del divieto di balneazione In evidenza

Il divieto è circoscritto alla zona del Gigante. In corso ulteriori verifiche.

A seguito del sopralluogo congiunto effettuato oggi, 16 agosto, con il personale di Acam (Ente gestore della rete fognaria) ed Arpal (Agenzia Regionale per l’Ambiente), il Comune di Riomaggiore afferma che "si sospetta che la causa che ha portato al temporaneo divieto di balneazione - che, lo ricordiamo, è limitato alla sola zona del Gigante tra Punta Mesco e la colmata a mare del parcheggio Fegina - sarebbe dovuto a una perdita circoscritta della condotta in pressione subacquea".

 

È stata richiesta una ulteriore verifica da parte di subacquei specializzati incaricati dall’ente gestore Acam.

Il Comune è in costante contatto con il gestore della linea per fare luce sulle reali cause e si riserva tutte le azioni atte a tutelare la cittadinanza.

Entro domani dovrebbero essere disponibili i risultati completi delle verifiche effettuate.

 

(foto di repertorio)

 

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Giovedì, 16 Agosto 2018 16:41

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia