Stampa questa pagina

Follo, Cittadini in Comune: "Gravissime le affermazioni dell'assessore Giacomobono"

"Chiediamo alla Sindaco di prendere posizione su quanto affermato durante la seduta del Consiglio comunale"

Il gruppo consigliare “Cittadini in comune” ritiene gravissime le affermazioni rese in sede di consiglio da parte dell’assessore Pasquale Giacomobono.

Abbiamo atteso una settimana prima di produrre un comunicato perché volevamo consentire alla popolazione la visione della seduta consigliare del 29 dicembre. Una seduta durante la quale nella discussione sui futuri lavori di piazza Matteotti si sono determinati due punti fondamentali.


Non esiste ancora un progetto e il metodo di realizzazione passerà attraverso confronti sia di commissione che di consiglio al fine di consentire la più ampia e trasparente valutazione di merito. Ciò che ha rimesso tutto in discussione è stato l’ultimo intervento dell’assessore, intervento del quale chiediamo conto alla Sindaco Mazzi.


Non si possono sentire in un aula istituzionale affermazioni quali “ogni volta che la maggioranza deve fare qualcosa deve confrontarsi con l’opposizione lo trovo fuori luogo“ rafforzato da una “c’è una maggioranza che decide“ .


Eravamo in discussione per determinare un metodo che rendesse il progetto largamente condiviso ed ecco un altro carico “ le commissioni le faremo a tempo debito“!


Ancor più nello sconcerto siamo caduti quando nonostante la maggioranza abbia istituito le commissioni, nonostante la maggioranza si sia presa tutte le presidenze delle commissioni ci siamo sentiti dire “ voi chiedete sempre le commissioni noi stiamo lavorando per il paese se non vi piace fatevene una ragione“, chiudendo con un perentorio “noi andiamo avanti“. Sicuramente il tutto sarà condiviso e applaudito da qualche fans dei“pieni poteri” ma crediamo che in democrazia certe affermazioni vadano stigmatizzate. Ci domandiamo quale concezione abbia della democrazia?


Ci domandiamo se anche a seguito del monito del capo dello stato a trovare coesioni dentro le istituzioni ci si possa permettere tale atteggiamento. Ci domandiamo quando ci si accusa di “fare troppa politica” si abbia idea del alternativa a ciò nelle istituzioni.


Se chi eletto per fare politica ritiene che il fare la stessa sia un orpellò quale visione ha del ruolo assegnatogli dal elettore? Ci si potrebbe sbizzarrire nel cercare falle sul piano della conoscenza dei rapporti democratici, ancor più nella ricerca di quello che dovrebbe essere lo svolgere un ruolo istituzionale nel rispetto delle minoranze.


Ma è così evidente e palese ciò che si intende , da parte del assessore, svolgere quel ruolo che basta ascoltarne le affermazioni nell'audio diffuso della seduta. Chiediamo quindi alla Sindaco di prendere posizione su quanto affermato, di chiarire se quello lo ritiene un modo democratico di considerare il confronto e nel caso, da noi auspicato, la direzione di questa amministrazione fosse quella del rispetto di regole e ruoli come si conviene in democrazia prendere le distanze da tali affermazioni con ciò che naturalmente ne dovrebbe conseguire.

Francesco Spinetti
Luca Vaccaro
Emiliano Quaretti
Sandro Bertoni

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 06 Gennaio 2021 11:14

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Articoli correlati (da tag)