Stampa questa pagina

Bravo (SUNIA): "Buone notizie dal Senato per inquilini e proprietari"

Le modifiche apportate al Senato dalla 8^ e 13^ commissione al decreto Lupi sull'emergenza casa riducono significativamente i tempi previsti per il recupero delle case popolari sfitte, introducono un ulteriore agevolazione IMU a favore dei proprietari che affittano a canone concordato,vincola al reinvenstimento in case popolari i proventi derivanti dalla vendita delle vecchie case popolari, introduce una misura tampone a favore degli inquilini per gli effetti causati dalla Sentenza della Corte Costituzionale sugli affitti in nero che aveva abrogato le sanzioni a carico dei proprietari, incrementa il rimborsi Irpef a favore degli inquilini che stipulano contratti a canone concordato.

Sono questi i punti più significativi del testo uscito dalle Commissioni che approderà in aula la prossima settimana. "Il nostro auspicio - così il segretario regionale e provinciale del SUNIA, Franco Bravo -  è che questo testo venga approvato definitivamente la prossima settimana. Restano naturalmente problemi aperti e criticità del decreto che debbono essere affrontati in un provvedimento organico che definisca le politiche abitative dei prossimi anni per uscire veramente dall'emergenza e,soprattutto, destini risorse adeguate alle reali necessità del comparto oggi drammaticamente inadeguate. L'attenzione dimostrata dal Senato e lo stesso provvedimento del Governo rappresentano sicuramente scelte importanti che vanno nella giusta direzione. Grazie a questi provvedimenti,se confermati,gli alloggi sfitti dell'ARTE potranno essere ristrutturati più celermente e quindi assegnati in tempi molto più brevi,gli affitti a canone concordato potranno oltreché godere di una cedolare secca al 10% anche di una aliquota IMU al 4 per mille a beneficio dei proprietari e per gli inquilini un maggior rimborso Irpef. Tutto questo può favorire il crescere del mercato dell'affitto a canone concordato. Qualunque proprietario non avrebbe più interesse ne ad avere affitti in nero,ne stipulare contratti di durata 4 anni più quattro. Sarebbe davvero un grande risultato del SUNIA, essere riuscito a far comprendere le buone ragioni di tante battaglie condotte in questi anni per un mercato della locazione regolato".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Vota questo articolo
(0 Voti)
Sunia

Via Bologna, 82
19125 La Spezia SP

www.sunialaspezia.it/

Ultimi da Sunia