Accedi al tuo account

Nome utente*
Password *
Ricordami

Regione Liguria, accordo con Emilia Romagna per trasferimento e smaltimento di rifiuti urbani fino a 7mila tonnellate In evidenza

L'accordo prevede, per l'anno 2023, il conferimento emergenziale e temporaneo di rifiuti urbani indifferenziati liguri in Emilia Romagna fino ad un massimo di 7.000 tonnellate.

Via libera ad un accordo per la gestione rifiuti nell'ambito della collaborazione fra Regioni in materia ambientale stabilita da alcuni anni. La delibera, approvata dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore all'Ambiente e al Ciclo dei Rifiuti Giacomo Giampedrone, prevede l'attivazione di forme di reciproca collaborazione in materia di infrastrutture e politiche ambientali con l'Emilia Romagna.

L'accordo prevede, per l'anno 2023, il conferimento emergenziale e temporaneo di rifiuti urbani indifferenziati liguri in Emilia Romagna fino ad un massimo di 7.000 tonnellate.

"Ringraziamo l'Emilia Romagna per la collaborazione al trasferimento e smaltimento dei rifiuti urbani della nostra regione – dichiara l'assessore Giacomo Giampedrone – che si aggiunge a quella con il Piemonte avviata lo scorso mese di settembre.

Questo accordo ci consentirà di rispondere alle nuove esigenze della Città Metropolitana di Genova e delle province di Savona e Imperia per tutto il 2023. La Liguria si trova in una fase di transizione mirata alla chiusura del ciclo dei rifiuti. Dopo l'approvazione a luglio del nuovo Piano regionale dei rifiuti la situazione dell'assetto impiantistico ligure è in avanzata fase di concretizzazione ma, fino all'anno prossimo, presenterà ancora alcune criticità.

Per questo si è reso necessario chiedere il sostegno ad altre regioni, in attesa della chiusura del ciclo dei rifiuti sul territorio ligure grazie alla realizzazione di una nuova rete di infrastrutture come i biodigestori di Saliceti e Colli, gli impianti per il trattamento della differenziata a Sanremo e Terzorio e la nuova discarica del Boscaccio che abbiamo appena approvato: opere che andremo a finanziare in parte con le risorse del PNRR, semplificandone la realizzazione e senza impattare sulle bollette.

Si tratta di una programmazione di medio-lungo periodo che ci aiuterà ad aumentare le percentuali di raccolta differenziata ed avvicinarci all'obiettivo finale dell'autosufficienza del sistema a livello regionale, con importanti benefici per l'ambiente e per le tasche dei cittadini liguri".

I flussi di rifiuti, provenienti dai Comuni della Città Metropolitana di Genova e dalle province di Savona e Imperia, saranno destinati all'impianto di recupero energetico R1 di Piacenza (salvo diverse esigenze impiantistiche) di proprietà della società Iren Ambiente Spa.

L'intesa tra Regione Liguria e Regione Emilia Romagna rientra nel quadro della collaborazione interistituzionale tra i due Enti sancita dall'accordo sottoscritto nel giugno 2021 e valido fino al 2024.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Regione Liguria

Piazza De Ferrari, 1
16121 Genova
tel. +39 010 54851

 

www.regione.liguria.it

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Studio Legale Dallara

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa.
Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.